Bando "Nuova impresa"

In collaborazione con il nostro partner Arkadia GMA Srl vi segnaliamo che la Regione Lombardia ha ufficializzato oggi l’apertura del bando “Nuova impresa”: a partire dal 1° dicembre 2021 sarà possibile presentare le domande per ottenere contributi a fondo perduto per l’avvio di nuove attività. Potranno accedere al contributo le MPMI del commercio (inclusi i pubblici esercizi), terziario, manifatturiero e artigiani dei medesimi settori che, a partire dal 26 luglio 2021, abbiano aperto una nuova attività con sede legale e operativa in Lombardia. Saranno ammissibili spese sostenute e quietanziate dopo il 26 luglio 2021, e fino alla data di presentazione della domanda. Le spese ammissibili, con un limite minimo complessivo di 5.000,00 euro, sono le seguenti:- onorari notarili e costi relativi alla costituzione d'impresa;- onorari per prestazioni e consulenze relative all'avvio d'impresa (comunicazione e marketing, logistica, contrattualistica, produzione, organizzazione);- acquisto di beni e/o servizi (hardware e software);- canoni di locazione della sede della società;- piani di comunicazione (posizionamento sui social media, progettazione loghi e marchi, realizzazione sito internet, ecc.);- spese generali. L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto fino al 50% della spesa ammissibile e comunque nel limite massimo di 10.000,00 euro.L’assegnazione del contributo avverrà tramite procedura valutativa “a sportello” secondo l’ordine cronologico di invio telematico della richiesta e fino ad esaurimento delle risorse a disposizione, comunque entro la data di chiusura dello sportello individuata nel bando attutivo nel mese di dicembre 2021.SCOPRI LE OPPORTUNITÀ PER LA TUA AZIENDA RICHIEDI INFO

Bando "Investimenti per la ripresa"

In collaborazione con il nostro partner Arkadia GMA Srl vi segnaliamo che la Regione Lombardia ha reso note le linee guida del Bando “Investimenti per la ripresa”, una misura dedicata alle PMI lombarde che intendono investire sul proprio sviluppo e rilancio nell’ambito di interventi aventi almeno una delle seguenti finalità:- transizione digitale;- transizione green;- sicurezza sul lavoro anche in ambito Covid-19, relativamente ad interventi di revamping e/o interventi ordinari e straordinari finalizzati al mantenimento in efficienza di impianti e macchinari già di proprietà. La misura è suddivisa in due categorie di soggetti beneficiari:Linea A - Artigiani alla quale possono accedere le PMI che, alla data di presentazione della domanda di adesione, siano in possesso dei seguenti requisiti:- abbiano la sede legale e/o operativa oggetto dell’intervento in Lombardia;- siano regolarmente iscritte e attive nel Registro delle Imprese da oltre 24 mesi;- siano imprese artigiane iscritte alla sezione speciale del Registro Imprese delle Camere di Commercio, con l’esclusione delle imprese artigiane afferenti al codice Ateco, sezione A (agricoltura, silvicoltura e pesca);- siano in regola con gli obblighi contributivi come attestato dal Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC). Linea B - Aree interne alla quale possono accedere le PMI che, alla data di presentazione della domanda di adesione, siano in possesso dei seguenti requisiti:- abbiano la sede oggetto dell’intervento in Alta Valtellina e Valchiavenna o Appennino Lombardo - Oltrepò Pavese e Valli del Lario - Alto Lago di Como, e siano regolarmente iscritte e attive nel Registro delle imprese da oltre 24 mesi;- siano in regola con gli obblighi contributivi come attestato dal Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC). Per quanto riguarda la Linea A - Artigiani sono ammissibili investimenti per un ammontare minimo pari a 15.000,00 euro da realizzare unicamente in Lombardia.Relativamente alla Linea B - Aree interne sono ammissibili investimenti per un ammontare minimo pari a 15.000,00 euro da realizzare unicamente in una delle aree interne della Regione Lombardia identificate. L’agevolazione per entrambe le linee consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto fino a massimo 40.000,00 euro pari al 50% delle spese ammissibili.La presentazione delle domande potrà avvenire a partire dalle ore 12:00 del 7 ottobre 2021 e fino all’esaurimento delle risorse disponibili e, comunque, entro le ore 12:00 del 21 ottobre 2021. SCOPRI LE OPPORTUNITÀ PER LA TUA AZIENDA RICHIEDI INFO

Bando “Fai Credito Rilancio”

In collaborazione con il nostro partner Arkadia GMA Srl vi segnaliamo Regione Lombardia ha confermato date e modalità di accesso al bando “Fai Credito Rilancio”, tramite la pubblicazione del Decreto Attuativo. A partire dal 19 luglio 2021 sarà possibile, infatti, presentare online la domanda per la misura con cui Regione Lombardia interviene erogando contributi a fondo perduto per l’abbattimento tassi, sia su finanziamenti per la liquidità che su finanziamenti per investimenti. L’agevolazione è riservata e dedicata a tutti i settori economici per attività che hanno sede legale e/o operativa sul territorio lombardo. Sono considerati ammissibili i finanziamenti destinati ad operazioni di liquidità o alla copertura di investimenti stipulati dalle imprese a partire dal giorno 01/01/2021 e aventi le seguenti caratteristiche:- valore minimo del finanziamento stipulato pari a € 10.000,00;- valore massimo del finanziamento agevolabile pari a € 150.000,00;- durata del finanziamento da 12 a 72 mesi (di cui massimo 24 mesi di preammortamento);- TAN massimo del 5%. Il contributo prevede l’abbattimento del tasso di interesse applicato al finanziamento fino al 3% (TAEG) ed un massimo di € 10.000,00. Le domande di contributo possono essere presentate a partire dalle ore 14.00 del 19 luglio 2021 e fino alle ore 12.00 del 12 novembre 2021, salvo esaurimento delle risorse. SCOPRI LE OPPORTUNITÀ PER LA TUA AZIENDA RICHIEDI INFO

Regione Lombardia: bando e-commerce

In collaborazione con il nostro partner Arkadia GMA Srl vi segnaliamo che il 19 maggio alle ore 10.00 aprirà ufficialmente il bando dedicato alle micro, piccole e medie imprese lombarde che intendono investire in progetti finalizzati al consolidamento delle proprie posizioni sui mercati nazionali e internazionali. L’agevolazione prevede un contributo a fondo perduto e nasce con l’obiettivo di sostenere gli investimenti orientati al commercio elettronico e finalizzati alla digitalizzazione delle imprese:- Micro Imprese, investimento minimo richiesto € 4.000,00 con un contributo massimo di € 5.000,00 pari al 70% delle spese ammissibili;- Piccole e Medie Imprese, investimento minimo richiesto € 10.000,00 con un contributo massimo di € 15.000,00 pari al 50% delle spese ammissibili. Le aziende potranno presentare progetti relativi all’apertura o al consolidamento di un canale online per la vendita dei propri prodotti. I progetti dovranno necessariamente prevedere almeno una di queste finalità:- abilitare modalità di vendita online, sviluppo app e mobile site per pre/post o vendita, sviluppo showroom digitale;- sviluppo di nuove soluzioni logistiche (es. logistica integrata);- approccio su almeno due canali (es. proprio sito + piattaforme social)- social e-commerce (vendita attraverso social media);- adeguamento tecnologico dell’esperienza di vendita agli smartphone. Tutte le attività dovranno essere completate entro il 31 dicembre 2021 con spese sostenute, quietanzate e rendicontate entro tale data. Non sono ammesse proroghe.Le spese ammissibile comprendono diverse attività come, a titolo esemplificativo:- accesso ai servizi di vendita online sui canali prescelti (tariffe di registrazione ed eventuali commissioni sulle transazioni effettivamente realizzate, sostenute durante il periodo di validità del progetto);- consulenza per la verifica e analisi del posizionamento online;- analisi di fattibilità del progetto circa l’adeguamento amministrativo, organizzativo, formativo, logistico, di acquisizione di strumenti e servizi;- realizzazione di una strategia di comunicazione, informazione e promozione per il canale digitale;- organizzazione di interventi specifici di formazione del personale (fino a un limite massimo del 20% della somma delle restanti voci di spesa ad esclusione delle voci h) e q));- acquisizione ed utilizzo di forme di smart payment. SCOPRI LE OPPORTUNITÀ PER LA TUA AZIENDA RICHIEDI INFO

Riapertura del bando che finanzia l’export

In collaborazione con il nostro partner Arkadia GMA Srl vi segnaliamo che dal 3 giugno 2021 riapre lo sportello online per richiedere finanziamenti di Sace Simest, finalizzati a supportare le imprese italiane esportatrici. Di seguito le tipologie di spese ammesse:- Patrimonializzazione- Partecipazione a Fiere Internazionali, Mostre e Missioni di Sistema- Inserimento Mercati Esteri- Temporary Export Manager- E-Commerce- Studi di Fattibilità- Programmi di Assistenza Tecnica Evidenziamo che la misura più interessante riguarda la patrimonializzazione (Fondo 394-81), per la quale sono state confermate: - l’esenzione di prestare garanzie fino al 30 giugno 2021- la quota a fondo perduto del finanziamento.Il finanziamento è finalizzato a migliorare o mantenere la solidità patrimoniale delle imprese esportatrici. L’agevolazione prevede un finanziamento a tasso agevolato, comprensivo di una parte a fondo perduto (in percentuale ancora da definire). La misura è rivolta alle MidCap e alle PMI italiane, costituite in forma di società di capitali, che nell'ultimo biennio abbiano realizzato all'estero almeno il 20% del proprio fatturato o almeno il 35% nell'ultimo anno. Requisiti indispensabili- Fatturato estero la cui media degli ultimi due esercizi sia pari almeno al 20% del fatturato aziendale totale, oppure sia di almeno il 35% rispetto al fatturato totale dell’ultimo anno.- Livello di solidità patrimoniale di ingresso, ovvero il rapporto tra patrimonio netto e immobilizzazioni nette dell’ultimo bilancio depositato, non superiore a 2 se industriale/manifatturiera, a 4 se commerciale/di servizi. SCOPRI LE OPPORTUNITÀ PER LA TUA AZIENDA RICHIEDI INFO

Agevolazioni per la digitalizzazione ...

In collaborazione con il nostro partner Arkadia GMA Srl vi segnaliamo che negli ultimi mesi si è scatenata una vera e propria corsa alla digitalizzazione da parte delle imprese, costrette ad intervenire nel tentativo di adeguarsi da un punto di vista tecnologico in un momento particolarmente delicato. SAFE WORKING: APERTURA PER LE SPESE DI DIGITAL BUSINESSRegione Lombardia, solo per piccole e micro impreseRegione Lombardia ha reso noto di aver ampliato la tipologia di spese ammissibili per il Bando Safe Working, in scadenza il prossimo 30 Novembre 2020. Nello specifico la modifica riguarda l’ammissibilità di spese di digital business, ovvero “sistemi di digitalizzazione di strutture e processi finalizzati a ridurre la diffusione dell’epidemia da Covid-19 e cogliere nuove opportunità di digitalizzazione del business nello scenario post pandemico”. MISE: DIGITAL TRASFORMATION PMI del settore manifatturiero o dei servizi diretti alle imprese manifatturiereIl Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato il Decreto direttoriale riguardante le linee guida relative al piano Digital Trasformation.L’agevolazione prevede un contributo pari al 50% (10% a fondo perduto e 40% finanziamento agevolato) relativamente a progetti volti alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi, tramite l’implementazione di:- Tecnologie abilitanti individuate dal Piano Impresa 4.0- Tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera (ottimizzazione della gestione della catena di distribuzione, software, piattaforme e applicazioni digitali). I progetti devono prevedere la realizzazione di:- Attività di innovazione di processo o di innovazione dell’organizzazione- Investimenti I progetti dovranno essere realizzati nell’ambito di un’unità produttiva dell’impresa proponente e dovrà avere un importo non inferiore ad euro 50.000 e non superiore a 500.000. La durata dei progetti non dovrà essere superiore a 18 mesi. VOUCHER INNOVATION MANAGER 2021 (tutte le imprese a livello nazionale)Nel 2021 verrà probabilmente pubblicato il bando “voucher innovation manager”. La misura è dedicata alle imprese che vogliono, tramite l’assunzione temporanea di un manager esterno all’azienda (ed iscritto ad un apposito albo del Ministero), sviluppare un percorso in ambito Impresa 4.0. SE SEI INTERESSATO CLICCA QUI